Articolo
Morena Sarro

Accoglienze, per una identità rinnovata e arricchita

Un altro anno pieno di attività è iniziato per l’Associazione di volontariato e Scuola di italiano Aprimondo: da ottobre la scuola ha accolto numerosi studenti, circa 170 stranieri con l’interesse e il bisogno di entrare in contatto con la lingua della città in cui vivono. Già oltre un anno di collaborazione tra la scuola e la nuova sede presso la biblioteca del Centro Amilcar Cabral, un fecondo connubio tutto da raccontare e in continuo divenire. L’Associazione di volontariato e Scuola di Italiano Aprimondo Centro Poggeschi è stata istituita nel gennaio 2004. Dallo scorso anno le sue attività sono ospitate nel Centro Amilcar Cabral, in via San Mamolo 24 a Bologna.

aprimondo

Classe di livello principiante della Scuola Aprimondo in piazza S. Stefano a Bologna in occasione di un’uscita dopo una visita museale (maggio 2014)

La scuola organizza corsi di italiano gratuiti rivolti a migranti adulti, corsi suddivisi per livello di conoscenze possedute nella lingua italiana. Ogni studente può seguire due lezioni settimanali da due ore ciascuna, dal lunedì al venerdì. Per questo anno scolastico le classi attivate sono ben 22, incluse le due classi aperte a solo donne, con la possibilità di attivare anche corsi estivi intensivi nei mesi di giugno-luglio come già fatto lo scorso anno. Le attività vedono impegnati circa 170 studenti e circa 60 insegnanti volontari. Gli insegnanti sono studenti universitari e adulti che offrono le proprie conoscenze di madrelingua e/o competenze di esperti nella didattica di insegnamento della L2.

Le lezioni si basano su una didattica partecipata, sulla creazione di percorsi condivisi che rispondano ai bisogni reali degli studenti, per garantirgli il diritto di apprendere la lingua del paese ospitante secondo le loro esigenze tangibili. Oltre alle lezioni annuali, si organizzano diverse attività integrative: incontri di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione giuridica dei cittadini stranieri e sui servizi sociali attivati nel territorio; corsi di informatica e creazione curriculum vitae ai fini della ricerca lavorativa; laboratori di italiano in cucina; occasioni di socializzazione e conoscenza del territorio con visite alla città, ai musei, ai teatri; aperitivi, feste; incontri per solo donne; cineforum; qualsiasi altra iniziativa i volontari ritengano utile a favorire l’inclusione sociale dei migranti ed il confronto interculturale.

In particolare, negli ultimi due anni anche la scuola Aprimondo, come molte altre presenti sul territorio bolognese, sta accogliendo nelle sue lezioni numerosi richiedenti asilo e protezione internazionale (quasi tutti uomini), provenienti soprattutto dal Mali, seguito da Senegal, Nigeria, Guinea, Pakistan e Siria. Le nostre lezioni si sono molto focalizzate su di loro, creando attività mirate e attivando nuove classi e corsi adatti attenti alel loro esigenze, collaborando anche con gli enti che gestiscono i centri di accoglienza, più o meno in prossimità della nostra sede.

La lingua è importante in quanto strumento di espressione della personalità, di scambio di informazioni e interessi e conseguentemente di integrazione sociale. Le lezioni sono gratuite, poiché crediamo fortemente che la lingua debba essere una risorsa aperta e accessibile, in
quanto uno tra i primi ponti per l’accoglienza.

Attraverso la scuola gli studenti incontrano uno dei primi ambienti della città in cui iniziano il loro percorso di vita, di ricerca lavoro o di inclusione sociale. La scuola diventa sempre più un punto di riferimento a cui rivolgersi anche per diverse problematiche, dalla ricerca di lavoro al rinnovo del permesso di soggiorno. Grazie alle reti tra associazioni e allo scambio di informazioni con enti, si prova ad indirizzare al meglio le loro richieste.

La Scuola Aprimondo aderisce a diverse reti e si relaziona con altre associazioni presenti sul territorio bolognese, in particolare con le scuole della ‘Rete SIM’ di Bologna, la rete delle scuole di italiano per migranti. Fa parte anche della rete Jesuit Social Network, di cui fanno parte altre associazioni del Centro Poggeschi e scuole di italiano (tra cui ricordiamo il Centro Astalli di Roma).

Aderisce all’Osservatorio contro i respingimenti scolastici dei figli dei migranti, insieme ad altre associazioni (di promozione sociale, assistenza e scuole di italiano) che si pongono come punto di ascolto e mediazione per le problematiche di inserimento nelle scuole dei ragazzi stranieri arrivati in città tramite ricongiungimenti. Nato lo scorso anno, l’Osservatorio è attivo sulla città, difende e opera per garantire il diritto all’istruzione dei ragazzi stranieri in età di obbligo scolastico.

La rete delle scuole di italiano per migranti della città è molto ampia e le associazioni di volontariato nascenti che offrono servizi gratuiti agli stranieri, soprattutto in situazioni di disagio, si moltiplicano. Quello che viene definito ‘terzo settore’ è in continua crescita e, soprattutto per quanto riguarda il nostro ambito, sempre operativo e attento alle esigenze e problematiche dei migranti. Lo scopo della stessa rete è di offrire un altrettanto ampio servizio ai nostri studenti e perseguire degli obiettivi comuni. L’interculturalità, la condivisione di esperienze e la valorizzazione delle diversità, contrastare la discriminazione, la promozione di dinamiche di inclusione dei migranti nel territorio, la lotta alle politiche che ledono i loro diritti e rendono la loro permanenza e vita sul territorio nazionale una ‘raccolta punti’ per il mantenimento del permesso di soggiorno.

Come promesso a noi stessi lo scorso anno Aprimondo è riuscita a mantenere e a rafforzare la propria identità, grazie ai tanti volontari che gratuitamente, con impegno e passione insegnano l’italiano, cercando di rispondere sempre al meglio ai bisogni degli studenti. Il nostro ringraziamento va come sempre a questi ultimi, che partecipano a tutte le nostre attività e fanno da molti anni di Aprimondo una scuola di accoglienza.

Morena Sarro
per la Scuola di Italiano Aprimondo

aprimondo-grafici

Annunci

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Il sommario dell’ultimo numero | Il Mosaico - 08/12/2014

  2. Pingback: Aprimondo | Accoglienze e scuola di italiano - 15/10/2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

AUTORI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: